Il Comitato Leonardo Premia gli Ambasciatori del Made in Italy

 

La prima edizione del Premio Leonardo si è svolta negli Stati Uniti nel 1994 con la premiazione della Ferrari per il contributo in tanti anni di appassionata attività produttiva e sportiva, e del prof. Allen Mandelbaum per il suo eccezionale apporto alla diffusione della conoscenza nel mondo anglosassone della poesia italiana classica e contemporanea ed in particolare per una versione in lingua inglese della Divina Commedia, di altissima qualità.

Dal 1995 i Premi Leonardo si sono svolti sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e sono diventati un appuntamento atteso e di prestigio, alla presenza del Presidente della Repubblica, di autorità italiane, di imprenditori, di rappresentanti del Corpo Diplomatico e dei mass media.

Ogni anno il Comitato istituisce un Premio Leonardo  che viene assegnato, in base alla valutazione di un’ampia e qualificata Giuria, ad una personalità italiana o straniera che abbia concorso in modo significativo ad affermare e promuovere l’immagine dell’Italia nel mondo.

Il Comitato attribuisce inoltre i Premi Leonardo Qualità Italia ad imprenditori la cui azienda si sia distinta nell’anno per innovazione di qualità nei prodotti, combinata con una forte proiezione internazionale, commerciale e produttiva.

In occasione di significativi eventi “di immagine” e promozionali, in mercati ritenuti strategici per l’internazionalizzazione delle imprese italiane, il Comitato assegna il Premio Leonardo International  ad una personalità di quel Paese che abbia particolarmente contribuito a sviluppare e migliorare i legami culturali ed economici con l’Italia.

Assegnati a partire dal 2004, il Premio alla Carriera ed il Premio Speciale, vengono conferiti a personalità che abbiano contribuito a rafforzare l’immagine del nostro Paese, grazie all’eccellenza della propria attività professionale.

Dal 2012 il Comitato Leonardo, in accordo con il Ministero dello Sviluppo Economico e l’Agenzia ICE, conferisce il Premio Leonardo Start Up ad una giovane realtà aziendale italiana scelta tra i vincitori di start-up competitions nazionali ed internazionali.

 

Premio Leonardo Adolfo Guzzini

2017 – Adolfo Guzzini

Vincitori Premi Leonardo

Nato a Recanati il 12 febbraio 1941, Adolfo Guzzini è l’uomo della luce come strumento di innovazione sociale, che grazie alla luce ha reso possibili operazioni di restauro percettivo su capolavori come l’Ultima Cena di Leonardo da Vinci e che per primo ha sensibilizzato l’opinione pubblica sul fenomeno dell’inquinamento luminoso. Figlio di Mariano Guzzini, nel 1964 inizia a dirigere l’azienda di illuminazione d’arredo fondata quattro anni prima dai fratelli in un garage di Recanati.

In breve tempo, la trasforma radicalmente, creando il settore dell’illuminotecnica in Italia e adoperandosi per la diffusione di una nuova cultura della luce e la formazione di nuovi professionisti capaci di progettare regie luminose. Con iGuzzini, imposta un’organizzazione internazionale che oggi porta la creatività, l’innovazione e il made in Italy in ogni parte del mondo, ottenendo riconoscimenti per il design e l’innovazione come il Compasso d’Oro e numerosi altri premi internazionali. Convinto promotore di un sistema imprese sinergico e collaborativo, si impegna personalmente nell’attività associativa, come cofondatore e presidente di AIFAI (poi Assoluce) e del Gruppo Arredo Urbano di Federlegno Arredo.

Consigliere in Cosmit, ricopre incarichi a livello nazionale in Confindustria, nell’Associazione Italiana di Illuminotecnica, nell’Associazione per il disegno industriale, nell’Istituto Nazionale Architettura e nell’Istituto Adriano Olivetti.  Con trent’anni di anticipo sulle linee guida internazionali dell’industria della luce, già negli anni 80 conduce iGuzzini a sviluppare il tema della luce biodinamica, attivando collaborazioni con l’università americana di Troy e il CNR. Nel 1998 promuove la costituzione dell’archivio storico delle imprese del Gruppo Guzzini, il primo archivio storico web in Italia, Bene di interesse storico. Attivo promotore del territorio, oltre a creare sinergia tra imprese, scuole e università, dal 2001 supporta l’Istituto Tecnico di Recanati, che ha portato da 350 a 800 iscritti. Attraverso la squadra di calcio Recanatese e la scuola tennis del circolo Francesco Guzzini, promuove un innovativo modello di sviluppo sociale attraverso lo sport dedicato ai giovani. Cavaliere del Lavoro e Laurea Honoris Causa in Economia Internazionale, è stato Presidente del Consiglio Nazionale del Design dal 2009 al 2011.

Nel 2016 è stato insignito del Premio scientifico “Capo D’Orlando” sezione “Scienza ed Industria”. Attualmente, oltre alla presidenza di iGuzzini e Fimag, è Presidente INARCH (Istituto Nazionale Architettura) e Presidente onorario ISTAO.

Altre edizioni