Cinque ambasciatori del Made in Italy entrano nel Comitato Leonardo

News   08 Ottobre 2018

L’Assemblea del Comitato Leonardo che si è riunita il 5 ottobre a Fossalta di Portogruaro ha  applaudito l’ingresso nel Comitato Leonardo di 5 nuovi Soci Effettivi, aziende eccellenti nei loro settori di appartenenza, che hanno saputo conquistare posizioni di rilievo sui mercati internazionali sia come immagine che come fatturato, e che puntano alla qualità e ed all’innovazione continua:

Consorzio Casalasco del Pomodoro

Una cooperativa che opera nel settore della produzione e trasformazione di pomodoro da industria. Con una capacità di trasformazione di oltre 560.000 tonnellate di pomodoro fresco e con 370 aziende agricole associate dislocate tra le province di Cremona, Mantova, Parma e Piacenza, Casalasco rappresenta oggi la più importante realtà del settore conserviero in Italia e si colloca tra le prime 3 a livello europeo. Nel 2007 l’azienda ha deciso di acquisire il brand Pomì, icona nel segmento dei derivati del pomodoro conservato. Oggi Pomì è un marchio globale, distribuito in oltre 60 nazioni nei 5 continenti con penetrazioni importanti in paesi come USA, Germania, Austria, Russia e Medio Oriente. Nel 2009 l’azienda ha creato la società Pomì U.S.A. Inc., con sede nel New Jersey, per commercializzare e distribuire in maniera esclusiva il brand, presente oggi in più di 20.000 punti vendita sul territorio americano. A fine 2017 Casalasco ha acquisito il brand De Rica. Nel corso del 2017 l’azienda è stata premiata prima come migliore impresa agroalimentare della Regione Lombardia da un comitato scientifico composto da delegati dell’università Luiss Guido Carli e di Confindustria Lombardia a Milano, poi ha ricevuto l’ambito riconoscimento “100 Eccellenze Italiane”, come eccellenza del settore conserviero nazionale da un comitato d’onore composto da autorità e personaggi dello spettacolo.

Gruppo Angel

Gruppo industriale italiano sinonimo di eccellenza scientifica nel mondo che progetta e sviluppa soluzioni ad alta tecnologia per i settori aviazione, spazio, ferroviario, internet delle cose. Il gruppo include:  MERMEC, il più grande produttore al mondo di treni di misura che ha fornito più di 1500 sistemi alle più importanti ferrovie e metropolitane dei cinque continenti; SITAEL, la più grande azienda italiana a capitale privato del settore aerospaziale che progetta e sviluppa satelliti in collaborazione con le più importanti agenzie spaziali internazionali (sono in programma lo sviluppo e lancio dei primi cinque satelliti Sitael) e che per il settore industriale progetta e sviluppa elettronica e software per applicazioni IoT;  BLACKSHAPE, società per azioni fondata nel 2011 che produce e commercializza nel mondo velivoli leisure e da addestramento basico interamente realizzati in fibra di carbonio “pre-preg hotmelt” (medesima tecnologia utilizzata per la realizzazione del Boeing 787 Dreamliner). L’azienda ha conquistato la leadership nel settore dei velivoli sportivi grazie al Blackshape Prime e al Gabriél, un velivolo di aviazione generale (certificato CS-VLA) senza pari nella sua categoria pensato per offrire al pilota più esigente prestazioni e qualità di pilotaggio di alto livello; SIT, azienda specializzata nella fornitura di servizi di rilievo aereo di grandi opere infrastrutturali e nella digitalizzazione degli asset acquisiti;  EWINGS, azienda specializzata nella progettazione e sviluppo di reti in radio frequenza ad alte prestazioni per la telemetria in ambito sportivo (fornitore della soluzione di telemetria utilizzata da tutti i team di Formula 1); ANGELSTAR, joint-venture con la società svizzera, Stadler, specializzata nella progettazione e sviluppo di sistemi di bordo ETCS per gli operatori ferroviari di tutto il mondo. ANGEL impiega più di 1000 dipendenti – dei quali 700 ingegneri – dislocati in 21 siti nel mondo ed ha prodotti e servizi in uso in 56 paesi. ANGEL che ogni anno investe il 12% circa dei ricavi in attività di ricerca e sviluppo ha acquisito nel 2016 una quota del capitale della canadese TransPod Inc. che è impegnata nello sviluppo dell’avveniristico sistema di trasporto a lievitazione magnetica in tubi depressurizzati, Hyperloop.

 

Gruppo Generali

Fondate a Trieste nel 1831 allorché la città era il principale porto dell’Impero Asburgico, le Assicurazioni Generali sono oggi un Gruppo italiano, indipendente, con una forte presenza internazionale. Il Gruppo è presente in 60 Paesi, con più di 400 società e 71 mila dipendenti, vantando posizioni di leadership nei Paesi dell’Europa Occidentale e una presenza sempre più significativa nei mercati dell’Europa Centro-orientale e in quelli asiatici. Uno dei principali player assicurativi a livello mondiale – con una raccolta premi che nel 2017 ha raggiunto € 68 miliardi e con € 542 miliardi di attivi gestiti – il Gruppo è universalmente riconosciuto come un partner di grande affidabilità per investimenti, asset management e gestione patrimoniale da tutti i suoi stakeholder, grazie ad una innovativa offerta di prodotti e all’apporto sempre più determinante di innovazione tecnologica. Il Gruppo punta a essere un punto di riferimento globale anche per la responsabilità sociale d’impresa, interpretando al meglio quel ruolo di corporate citizen caratteristico della missione assicurativa: proteggere, prevenire, gestire il rischio, adottare sempre una visione di lungo periodo. Generali è fortemente consapevole delle implicazioni sociali e dell’impatto sul benessere della comunità che derivano dal proprio business, e ritiene che proteggere i propri clienti dai rischi della vita quotidiana, assicurando serenità e sicurezza, non sia solo una fonte di valore, ma contribuisca a costruire una società migliore. Pertanto le scelte di investimento del Gruppo tengono nella dovuta considerazione gli elementi di sostenibilità ambientale, sociale e di corporate governance. Nel 2017 il Corporate Knights ranking ha incluso il Gruppo Generali tra le compagnie più sostenibili al mondo. Nella ferma convinzione che l’impegno del Gruppo nella società vada oltre la propria mission industriale, Generali ha di recente avviato The Human Safety Net, iniziativa globale per supportare le comunità più vulnerabili, affrontando sfide sociali differenti ma che hanno un obiettivo comune: liberare il potenziale umano ispirando le persone ad aiutarsi reciprocamente.

 

Herno Spa 

Fondata nel 1948 a Lesa, sulle rive del Lago Maggiore, per iniziativa di Giuseppe, padre di Claudio Marenzi, Herno avvia da subito la produzione di impermeabili a cui affianca negli anni cappotti in cachemire, con una specializzazione nei prodotti double-face e capispalla. La storia di Herno prosegue con la produzione per marchi terzi, in affiancamento alle attività per il marchio Herno. Claudio Marenzi, attuale Presidente e Amministratore Delegato entra in azienda poco più che ventenne. Dopo aver ricoperto ruoli praticamente in ogni reparto dell’azienda, imprime una svolta strategica importante all’impresa negli anni 2000, rimettendo il marchio Herno al centro della strategia. Ricerca e innovazione, qualità, stile, ecosostenibilità ed etica diventano le componenti essenziali del successo dell’azienda, che sotto la sua guida conosce uno sviluppo senza precedenti; uno sviluppo non tipici del settore di appartenenza, anche considerando la congiuntura economico-finanziaria italiana e internazionale degli ultimi anni. Nel 2017, Herno ha dato lavoro a oltre 170 dipendenti e ha registrato un fatturato DI 95 milioni di euro.

 

Xerjoff

La società è stata fondata a Torino nel 2007 come Oystersin srl e si è recentemente trasformata in Xerjoff Group S.p.A. E’ nata con l’obiettivo di sviluppare profumi di ricerca che potessero essere il complemento ideale dei lifestyle più esclusivi. In un primo momento si è affermata in Russia e Medioriente per poi approdare in Europa e negli ultimi anni conquistare anche l’Italia. La società è titolare di 3 marchi: Xerjoff, Casamorati, Kemi. Ciascun marchio ha dei mercati di riferimento e un suo posizionamento ben definito nel ramo dei profumi di lusso. La profumeria artistica, detta anche di “nicchia” è un settore della profumeria in forte crescita su tutti i mercati internazionali, sia quelli consolidati che emergenti. Xerjoff è uno dei leader di questo settore con 11 anni di presenza, in oltre 60 mercati e duty free/travel retails. Una solida presenza e riconoscibilità internazionale hanno portato Xerjoff a essere sinonimo della più esclusiva luxury perfumery italiana, in cui convivono creazioni uniche e collezioni raffinate Xerjoff, secondo la più nobile delle tradizioni, offre le sue “creazioni olfattive” in esclusive opere di design, progettate in collaborazione con maestri artigiani di Valenza Po e Murano. Tutti i prodotti sono frutto della ricerca e dell’utilizzo di materie prime naturali di ineccepibile qualità, provenienti da tutto il mondo, nel pieno rispetto del territorio e delle popolazioni che le coltivano. Concept, ricerca, design & comunicazione sono expertise interni all’azienda insieme ad una parte produttiva manuale dedicata alle creazioni di alta gamma. Xerjoff collabora anche con clienti per progetti “bespoke”, attraverso importanti partnership e collaborazioni strategiche. Famiglie reali medio orientali, europee ed asiatiche si avvalgono della consulenza creativa e produttiva di Xerjoff Group per progetti ad hoc, non presenti nei tradizionali punti vendita internazionali. Xerjoff Group è inoltre è ideatrice e produttrice di marchi conto terzi, sempre nell’ambito della profumeria di nicchia. I marchi principali sono Sospiro, distribuito in tutto il mondo, Iscent ed Oud Wood distribuiti in Medio Oriente. Xerjoff Group è rappresentata nel mondo da 5 negozi monomarca: a Dubai, a Mosca, a Torino e a Londra, dove è presente con due boutique al Salon de Parfum da Harrods.

Condividi