2003

Vincitori premio Leonardo Qualità Italia  

Guido Maria Barilla – BARILLA

Guido Maria Barilla rappresenta la quarta generazione della famiglia. La sua esperienza aziendale nasce sul campo, comincia nel 1982 con lunghi stage in aziende alimentari in Europa e America.
L’Azienda Barilla nasce nel 1877; Pietro Barilla apre a Parma un negozio di pne e pasta: con un torchietto di legno produce 50 kg di pasta al giorno.
Nel 1910 viene costruito il primo stabilimento, i figli Riccardo e Gualtiero di Pietro Senior prendono le redini dell’azienda.
Nel 1937 la Pasta Barilla è la prima ad essere venduta completamente confezionata. Lo sviluppo dell’azienda avviene rapidamente con tappe importanti.
Barilla, che ha già raggiunto la leadership nel settore in Italia si inserisce con successo nei mercati internazionali con acquisizioni sul mercato tedesco, francese, greco, turco e americano, solo per citarne alcuni. La forza di ciò è la consapevolezza che la crescita e il confronto siano fattori indispensabili per lo sviluppo dell’Azienda.
Il successo dell’internazionalizzazione del prodotto Barilla è dovuto alla capacità di comprendere la diversità degli scenari, in quanto le abitudini alimentari di un paese sono strettamente legate alla storia e alla cultura popolare. La scelta aziendale è stata dunque quella di esportare i propri prodotti, autenticamente italiani, in un’ottica di adattamento degli stessi ai diversi stili alimentari.
Barilla ha il pregio di aver reso celebre all’estero un prodotto tipicamente italiano, che nella semplicità dell’immagine di un piatto fumante richiama a sé un valore universale, quale quello della famiglia.

Alberto Bombassei – BREMBO S.p.A.

Dal 1993 Presidente e Amministratore Delegato della Brembo S.p.A., azienda di famiglia fondata dal padre e dallo zio nel 1961 che conta oggi sul lavoro di 3.700 dipendenti, da 28 dipendenti dei primi anni ’60.
Il 1964 costituisce una pietra miliare nella storia dell’Azienda: Brembo inizia a produrre i primi freni a dischi italiani diretti al mercato del ricambio. L’azienda di Curno raggiunge la leadership in campo internazionale. La consacrazione a livello tecnologico e della qualità Brembo avviene nel 1975 quando la Ferrari affida alle cure della Brembo la vettura più prestigiosa della Formula 1.
Oggi Brembo è un’azienda leader nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di sistemi componenti frenanti di alte prestazioni per auto, moto e veicoli industriali che opera oggi in quindici paesi nel mondo, dall’Italia all’America Latina e dall’Europa al Giappone.
Il polo scientifico e tecnologico di Strezzano ed il suo celebre “Kilomentro Rosso” di Bergamo è all’avanguardia per capacità imprenditoriale ed innovazione tecnologica.
Alla base della strategia dell’Azienda c’è, oltre alla ricerca di materiali e soluzioni innovative, lo sviluppo della propria attività su nuovi mercati. Per raggiungere questo obiettivo, Brembo si impegna con significativi investimenti di energie e risorse in collaborazione con Università e Centri di Ricerca Internazionali.
nel corso degli anni successivi, l’Azienda prosegue la crescita, viene quotata in Borsa. Brembo attraverso la tecnologia, l’innovazione e il design è capace di progettare il futuro, dando vita, grazie ad un intenso lavoro di squadra, ad un prodotto di qualità totale.
Alberto Bombassei ha saputo portare nel mondo la tecnologia e l’esperienza italiana, facendosi apprezzare per la sua capacità di adeguamento ad un mercato mondiale sempre in crescita.

Gianmaria Buccellati – BUCCELLATI HOLDING ITALIA

Quarto di cinque fratelli, è il primo a seguire la carriera del padre Mario, affermato gioielliere-orafo, iniziando all’età di 16 anni a lavorare presso il negozio ed i laboratori di Milano.
All’età di 19 anni il padre gli affida la respondabilità della direzione del negozio di Milano.
Gianmaria Buccellati si afferma nella qualità e nella perfezione contando su mano d’opera professionalmente in continuo aggiornamento. Egli interviene creando e seguendo vere e proprie “scuole di specializzazione” destinate sia ai giovani agli inizi della loro vita di lavoro, sia agli artigiani desiderosi di approfondire e sviluppare la loro preparazione professionale.
Nel 1973, insieme ad un gruppo di colleghi gioiellieri, fonda l’Istituto Gemmologico Italiano (IGI) del quale è Presidente dalla sua fondazione. L’IGI si prefigge, quale scopo statutario, la diffusione della Scienza gemmologia in Italia a livello didattico e di ricerca scientifica.
Nel 1997 riceve un alto riconoscimento della Camera di Commercio di Milano, quale azienda che ha il 96% del suo fatturato all’export.
Nel 1998 il Gruppo viene ristrutturato per far parte a nuovi sviluppi internazionali.
Il Gruppo ha progetti di sviluppo a breve e medio termine essenzialmente rivolti all’ampliamento di nuovi mercati (Russia, Cina) e all’incremento della produzione di gioielli, argenti ed orologi.
Il design Buccellati – il celebre “Stile Buccellati” che si ispira a modelli rinascimentli – è ampiamente conosciuto a livello internazionale per l’alta qualità creativa e di esecuzione della sua oreficieria ed argenteria. Ha una presenza capillare in Italia e nei 6 maggiori mercati internazionali, soprattutto in Europa, negli Stati Uniti, in Asia ed in Giappone.

Vittorio Frescobaldi – MARCHESI DE’ FRESCOBALDI

Il Cav. Lav Vittorio Frescobaldi è Presidente della Marchese de’ Frescobaldi dal 1980.
Il nome Frescobaldi ha una tradizione di oltre 700 anni nell’arte, nella cultura, nella storia italiana.
Nel 1980, l’azienda che appartiene ai 5 fratelli Dino, Vittorio, Maria, Ferdinando e Leoanrdo, viene trasformata in una società per azioni con sede a Firenze.
E’ attualmente la maggiore azienda toscana nel campo della viticoltura ed è stata la prima ad aver qualificato e specializzato il vigneto ed il processo di vinificazione: la tenuta Castel Giocondo (Montalcino) è il fiore all’occhiello dell’azienda.
Grazie alla capacità di ricerca ed innovazione, la Marchesi de’ Frescobaldi ha raggiunto la leadership in campo vitivinicolo internazionale, soprattutto negli Stati Uniti, in Canada, in Gran bretagna e Scandinavia, in Estremo Oriente.
Nel 1995 firma un accordo ufficiale con Robert Mondavi, simbolo del vino californiano in tutto il mondo. Questo momento segna una tappa molto importante nella internazionalizzazione di un prodotto di qualità eccezionale.
La partnership con Mondavi ha unito l’essenza della Toscana con l’innovazione tecnologica della California allo scopo di “produrre vini di eccezionale qualità e unici nel loro genere, combinando le tradizioni, le capacità tecniche e l’amore per la terra che entrambe le famiglie condividono”. Amore, tradizione e terra: parole che indicano la forte appartenenza al proprio Paese, ma che possono essere condivise con chi, nel mondo, ha gli stessi valori.
Vittorio Frescobaldi, grazie al proprio istinto, è riuscito a portare all’estero la tradizione enologica toscana racchiusa nel nome della sua famiglia, e a scambiarla con la spinta all’innovazione tipica delle aziende d’oltreoceano.

Giannola Nonino – NONINO DISTILLATORI  S.p.A.

Determinazione, intuito e spirito di sacrificio, e tanto entusiasmo: ecco alcune delle doti che caratterizzano secondo Giannola Nonino l’imprenditore di successo. Su queste caratteristiche i Nonino hanno costruito un’impresa moderna ed efficiente dove è ancora forte il ruolo dell’esperienza della famiglia.
Un processo di innovazione, che poteva essere intrapreso solo grazie alla convinzione dell’alta qualità del proprio prodotto, alla grande professionalità e capacità distillatoria di Benito Nonino e alla costanza e alla tenacia di Giannola.
L’impegno e l’amore messo nella crescita dell’Azienda hanno lanciato il prodotto sui mercati stranieri, principalmente europei, e lo porteranno, in un futuro vicinissimo, su quelli americani e dell’area asiatica.
La famiglia Nonino si dedica all’arte della distillazione sin dal 1897. Nel 1973 Benito e Giannola rivoluzionarono il sistema di produrre e presentare la grappa in Italia e nel mondo, distillando sepatatamente le vinacce dell’uva Picolit. i Nonino impiantano in Friuli un proprio vigneto sperimentale e presentano “Gioiello” il distillato della purezza, l’acquavite ottenuta dalla distillazione del solo miele.
Nel 1984 ha inizio la collezione Nonino UE Cru Monovitigno Picolit, ammirata in tutto il mondo per la sua unicità.
Qualità assoluta, ricerca e innovazione caratterizzano un marchio che porta nel mondo innanzitutto il valore della famiglia e l’impegno nel lavoro. I Nonino sono riconosciuti i veri ambasciatori della grappa italiana nel mondo.

 

Condividi

Altre edizioni