2007

Vincitori premio Leonardo Qualità Italia  

Roberto Bertazzoni – SMEG S.p.A.

Roberto Bertazzoni nasce a Guastalla in provincia di Reggio Emilia ed inizia l’attività imprenditoriale all’interno di Smeg Elettrodomestici, di cui, negli anni ’70, assume la guida. Sotto la sua guida, SMEG è progressivamente cresciuta affermandosi nei settori degli elettrodomestici da incasso e da libera installazione. Eccellente espressione del Made in Italy, che coniuga perfezione di stile, linearità, e performance in prodotti curati nei minimi dettagli, la SMEG assume uno stile inconfondibile espresso in progetti originali ed esclusivi. I prodotti SMEG conquistano il mercato mondiale coniugando qualità, innovazione tecnologica avanzata, estetica elegante e sobria. Il Gruppo SMEG è oggi capogruppo di un sistema industriale con sinergie produttive tra tre stabilimenti ubicati in provincia di Reggio Emilia, Verona e Chieti, e con società di leasing e commerciali in Italia e nei principali paesi esteri. Impiega un totale di oltre 1700 addetti ed ha un fatturato consolidato previsionale 2007 di circa 460 milioni di euro. I principali paesi di investimento sono i paesi UE, Australia e Nuova Zelanda, Russia, Stati Uniti e Sud Africa. SMEG è Made in Italy, è tecnologia che arreda.

Matteo Marzotto – VALENTINO S.p.A.

Nata dal genio creativo di Valentino Garavani – che ha festeggiato lo scorso Luglio i suoi 45 anni di attività nella moda – Valentino S.p.A. opera nella fascia più alta del mercato del lusso attraverso un’offerta di prodotti nei segmenti Alta Moda e Prêt-à-Porter donna e uomo, oltre che nei settori delle fragranze, degli occhiali, degli orologi, delle cravatte e foulards e degli abiti da sposa. Valentino S.p.A. – prima società ad aver portato alla quotazione in borsa un grande nome della moda italiana – è oggi è presente in 69 paesi del mondo, con oltre 1.250 punti vendita di cui 58 a gestione diretta e i suoi ricavi, nel 2006, sono stati pari a 239,5 milioni di Euro, in crescita del 14,5% rispetto al 2005. L’Azienda è rappresentata quest’oggi da Matteo Marzotto, nominato Presidente della Valentino S.p.A. nel Settembre del 2006 al culmine di una carriera professionale iniziata nel 1992 nella Marzotto Spa.

Fabio Perini – PERINI NAVI

La storia di Fabio Perini nasce all’interno dell’industria cartaria. A 17 anni Perini crea un automatismo in grado di tendere i feltri delle macchine da carta. Puntando sull’invenzione del metodo chiamato avvolgimento periferico, nel giro di alcuni anni, Perini ha la meglio sulla concorrenza (prima italiana, poi tedesca ed americana), e diviene il maggiore produttore, producendo il 75% delle macchine vendute nel mondo, con piattaforme produttive in Brasile e in Giappone. La Fabio Perini SpA è parte del Gruppo multinazionale tedesco Korber Paperlink.
La grande capacità nel campo della ricerca e dello sviluppo hanno consentito a Fabio Perini di avviare una politica di diversificazione in vari settori industriale, ma la sfida più grande è stata quella di costituire una società dedicata allo sviluppo di velieri di grandi dimensioni dotati di un sistema di controllo automatico del piano velico che permettesse la navigazione con una sola persona alla manovra.
La Perini Navi nasce negli anni ’80 come attività di progettazione, engineering e commercializzazione di grandi barche a vela. Nel 1985 inizia a Viareggio la costruzione di imbarcazioni grazie a nuovi processi produttivi, alla totale automazione delle manovre nella totale sicurezza di manovrabilità. Oggi il Gruppo Perini Navi è costituito dai cantieri di Viareggio e La Spezia, e del cantiere Yildiz di Istanbul.
L’estrema qualità delle costruzioni, l’affidabilità e la sicurezza, il grande comfort e la cura degli interni, hanno portato Perini Navi ad essere leader dell’industria delle grandi imbarcazioni a vela, con il 65% del mercato mondiale.

Isabella Seragnoli – COESIA S.p.A.

Il Gruppo Coesia è una holding, con sede a Bologna, di partecipazioni industriali operanti nel settore delle macchine automatiche.
Negli anni ’40, Enzo (padre di Isabella) e Ariosto Seragnoli rilevano una società che produce motociclette e convertono il business lanciando la prima macchina automatica incartatrice.
Nel 1979 il Gruppo diventa una holding e nel 2005 viene rinominato Coesia a cui fanno capo sette aziende, con siti produttivi in sei paesi (Italia, Germania, Spagna, Svizzera, USA, e Brasile) e filiali in 13 paesi.
Il Gruppo Coesia ha un fatturato 2006 di 674 milioni di euro, e conta oltre 3400 dipendenti. I principali mercati di riferimento sono: Europa, Cina, Giappone, Russia, Indonesia.
Isabella Seragnoli è Presidente del Consiglio di Amministrazione del Gruppo dal 1991. Dal 2002 ne detiene il 100% della proprietà.

 

Condividi

Altre edizioni